Introduzione. Comprendere testi multipli digitali è un’abilità essenziale per l’acquisizione di nuove conoscenze nell’attuale era dell’informazione, fin dalla scuola primaria (Goldman & Scardamalia, 2013). La comprensione di testi multipli coinvolge componenti individuali di natura sia cognitiva sia motivazionale, e l’abilità di usare le fonti, ovvero di stabilire legami tra contenuto e fonte dei testi (Rouet & Britt, 2011). Ricerche su studenti di scuola primaria hanno individuato una relazione tra componenti cognitive, quali la velocità di lettura di parole o le conoscenze pregresse sull’argomento dei testi, e la comprensione di testi multipli (Davis, Huang, & Yi, 2017; Florit, Cain, & Mason, 2017). Ricerche su studenti di scuola secondaria hanno documentato relazioni anche tra aspetti motivazionali (senso di efficacia e valore dato al compito) e uso delle fonti, e comprensione di testi multipli (Bråten, Ferguson, Anmarkrud, & Strømsø, 2013; Strømsø, Bråten, & Britt, 2010). Il presente studio contribuisce ad ampliare le conoscenze precedenti analizzando i contributi della velocità di lettura di parole, delle conoscenze pregresse, degli aspetti motivazionali e dell’uso delle fonti rispetto alla comprensione di testi multipli digitali in bambini di scuola primaria. Metodo. Hanno partecipato 335 bambini frequentanti le classi IV e V della scuola primaria (età media = 10 anni; range: 9;1-12;1; 45% maschi). Lo studio è parte di un progetto più ampio. Nel presente studio sono state considerate misure di: velocità di lettura di parole (Sartori, Job, & Tressoldi, 2007); pre-conoscenze sull’argomento dei testi multipli; senso di efficacia e valore dato al compito per le attività di lettura (prova adattata da Bråten et al., 2013); uso delle fonti (prova adattata da Strømsø et al., 2010); comprensione profonda di testi multipli digitali (Florit et al., 2017). Risultati. E’ stata condotta una path analysis per indagare il ruolo predittivo delle variabili individuali rispetto alla comprensione di testi multipli digitali (R2 = .13, p < .001). La comprensione di testi multipli online era predetta direttamente dalla velocità di lettura di parole (β = .17, p < .001), dal senso di efficacia (β = .12, p < .05), dal valore dato al compito (β = .13, p < .05) e dall’uso delle fonti (β = .19, p < .001). Le preconoscenze predicevano indirettamente la comprensione dei testi multipli (β = .04, p < .05), mediante la misura di uso delle fonti (R2 = .06, p < .05). Conclusioni. I risultati contribuiscono a specificare modelli di comprensione di testi multipli in giovani lettori, definendo il ruolo di componenti cognitive e motivazionali, e dell’uso critico delle fonti. A livello applicativo, sottolineano l’importanza di supportare abilità di diversa natura per favorire un’appropriata comprensione di testi multipli fin dalla scuola primaria.

Comprensione di testi digitali nella scuola primaria: Contributo di componenti cognitive, motivazionali, e di uso delle fonti

Florit E.;Brondino M.;& Raccanello
2018

Abstract

Introduzione. Comprendere testi multipli digitali è un’abilità essenziale per l’acquisizione di nuove conoscenze nell’attuale era dell’informazione, fin dalla scuola primaria (Goldman & Scardamalia, 2013). La comprensione di testi multipli coinvolge componenti individuali di natura sia cognitiva sia motivazionale, e l’abilità di usare le fonti, ovvero di stabilire legami tra contenuto e fonte dei testi (Rouet & Britt, 2011). Ricerche su studenti di scuola primaria hanno individuato una relazione tra componenti cognitive, quali la velocità di lettura di parole o le conoscenze pregresse sull’argomento dei testi, e la comprensione di testi multipli (Davis, Huang, & Yi, 2017; Florit, Cain, & Mason, 2017). Ricerche su studenti di scuola secondaria hanno documentato relazioni anche tra aspetti motivazionali (senso di efficacia e valore dato al compito) e uso delle fonti, e comprensione di testi multipli (Bråten, Ferguson, Anmarkrud, & Strømsø, 2013; Strømsø, Bråten, & Britt, 2010). Il presente studio contribuisce ad ampliare le conoscenze precedenti analizzando i contributi della velocità di lettura di parole, delle conoscenze pregresse, degli aspetti motivazionali e dell’uso delle fonti rispetto alla comprensione di testi multipli digitali in bambini di scuola primaria. Metodo. Hanno partecipato 335 bambini frequentanti le classi IV e V della scuola primaria (età media = 10 anni; range: 9;1-12;1; 45% maschi). Lo studio è parte di un progetto più ampio. Nel presente studio sono state considerate misure di: velocità di lettura di parole (Sartori, Job, & Tressoldi, 2007); pre-conoscenze sull’argomento dei testi multipli; senso di efficacia e valore dato al compito per le attività di lettura (prova adattata da Bråten et al., 2013); uso delle fonti (prova adattata da Strømsø et al., 2010); comprensione profonda di testi multipli digitali (Florit et al., 2017). Risultati. E’ stata condotta una path analysis per indagare il ruolo predittivo delle variabili individuali rispetto alla comprensione di testi multipli digitali (R2 = .13, p < .001). La comprensione di testi multipli online era predetta direttamente dalla velocità di lettura di parole (β = .17, p < .001), dal senso di efficacia (β = .12, p < .05), dal valore dato al compito (β = .13, p < .05) e dall’uso delle fonti (β = .19, p < .001). Le preconoscenze predicevano indirettamente la comprensione dei testi multipli (β = .04, p < .05), mediante la misura di uso delle fonti (R2 = .06, p < .05). Conclusioni. I risultati contribuiscono a specificare modelli di comprensione di testi multipli in giovani lettori, definendo il ruolo di componenti cognitive e motivazionali, e dell’uso critico delle fonti. A livello applicativo, sottolineano l’importanza di supportare abilità di diversa natura per favorire un’appropriata comprensione di testi multipli fin dalla scuola primaria.
9788875901325
comprensione
testi digitali
scuola primaria
motivazione
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/992786
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact