La Grande Guerra è stato un evento traumatico e lacerante anche dal punto di vista del racconto dell'esperienza sul fronte da parte di alcuni poeti che nel 1915-18 avevano da poco iniziato a far sentire la propria voce poetica: Clemente Rebora e Camillo Sbarbaro tornano dal fronte come ammutoliti e si relegano al silenzio letterario, Giuseppe Ungaretti inizia invece il proprio percorso poetico con "Il porto sepolto" (poi "Allegria di naufragi", poi "L'allegria") e, tra i poeti italiani della Grande Guerra, rimane tuttora una delle voci più autentiche e significative.

Rebora, Sbarbaro e Ungaretti: 'nascita' e 'morte' di voci poetiche durante la Grande Guerra

ZANGRANDI, Alessandra
2018

Abstract

La Grande Guerra è stato un evento traumatico e lacerante anche dal punto di vista del racconto dell'esperienza sul fronte da parte di alcuni poeti che nel 1915-18 avevano da poco iniziato a far sentire la propria voce poetica: Clemente Rebora e Camillo Sbarbaro tornano dal fronte come ammutoliti e si relegano al silenzio letterario, Giuseppe Ungaretti inizia invece il proprio percorso poetico con "Il porto sepolto" (poi "Allegria di naufragi", poi "L'allegria") e, tra i poeti italiani della Grande Guerra, rimane tuttora una delle voci più autentiche e significative.
9788890790553
Clemente Rebora
Camillo Sbarbaro
Giuseppe Ungaretti
Poeti italiani della Grande Guerra
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/985980
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact