"Il Tiziano di questa età, lo Zeusi di questi anni di fango": sulle tecniche di Andrea Celesti nel ciclo di Toscolano