Il sì alla diagnosi preimpianto: un punto di arrivo o un punto di partenza?