Verso una nozione di ‘cosa giudicata’ sovranazionale?