La mancata corrispondenza fra il contenuto del contratto e la reale comune intenzione delle parti come causa di nullità rilevabile d’ufficio e non di annullabilità da errore ostativo