Introduzione L’impingement femoro-acetabolare (F.A.I.) è attualmente riconosciuto come uno dei più importanti meccanismi fisiopatologici alla base dell’artrosi d’anca primaria. Negli ultimi anni l’attenzione scientifica si è intensamente focalizzata sull’analisi e lo studio di questo processo fisiopatologico e dei soggetti che presentano le caratteristiche cliniche e radiologiche del F.A.I. con anamnesi silente per pregresse patologie a carico dell’articolazione coxo-femorale. Materiali e metodi Nella nostra clinica abbiamo studiato 32 pazienti con F.A.I. in quadro clinico di coxalgia (9 CAM, 7 PINCER e 16 tipo misto), in programma di intervento di artroscopia d’anca, analizzando, tramite studio TC con ricostruzioni 3D, l’anti-retroversione femorale, l’anti-retroversione acetabolare e i vizi tersionali femorali. Incrociando i dati ottenuti con rilevazioni dinamiche mediante la gait analysis eseguita su 28 pazienti di età inferiore a 65 anni con un quadro di coxartrosi conclamata in nota operatoria per intervento di sostituzione protesica, abbiamo studiato le modificazione fisiopatologiche e biomeccaniche del F.A.I. idiopatico. Risultati I risultati del nostro studio hanno evidenziato una stretta correlazione fra la retroversione femorale e la presenza di un F.A.I. tipo CAM e fra la retroversione acetabolare ed un impingement di tipo PINCER. Discussione Recenti studi di biomeccanica, eseguiti su articolazioni coxo-femorali sane, nei quali viene descritta una funzionale retro-versione del collo femorale a dispetto di una fisiologica anti-versione, sembrano avvalorare la nostra ipotesi di formazione dell'impingement femoro-acetabolare. Una funzionale retro-versione, sommata ad una “patologica” retro-versione del collo femorale, anche se parzialmente compensata da una deambulazione in extra-rotazione, come evidenziato dagli studi della gait analysis, porterà inevitabilmente alla formazione di un conflitto femoro-acetabolare. Conclusioni Analizzando la biomeccanica dell'articolazione coxo-femorale affetta da F.A.I., abbiamo incontrato molti limiti: dalla staticità dell'esame TC al ridotto numero di pazienti. I risultati ottenuti da questo studio sono incoraggianti ma ancora incompleti e pongono in evidenza l'importanza di valutare in toto l'arto inferiore nell'approccio al F.A.I..

STUDIO TC DI 32 PAZIENTI AFFETTI DA IMPINGEMENT FEMORO-ACETABOLARE IDIOPATICO: IPOTESI EZIOPATOGENETICA

MALUTA, Tommaso;DALL'OCA, Carlo;ROMEO, Tomaso;Magnan, Bruno
2013

Abstract

Introduzione L’impingement femoro-acetabolare (F.A.I.) è attualmente riconosciuto come uno dei più importanti meccanismi fisiopatologici alla base dell’artrosi d’anca primaria. Negli ultimi anni l’attenzione scientifica si è intensamente focalizzata sull’analisi e lo studio di questo processo fisiopatologico e dei soggetti che presentano le caratteristiche cliniche e radiologiche del F.A.I. con anamnesi silente per pregresse patologie a carico dell’articolazione coxo-femorale. Materiali e metodi Nella nostra clinica abbiamo studiato 32 pazienti con F.A.I. in quadro clinico di coxalgia (9 CAM, 7 PINCER e 16 tipo misto), in programma di intervento di artroscopia d’anca, analizzando, tramite studio TC con ricostruzioni 3D, l’anti-retroversione femorale, l’anti-retroversione acetabolare e i vizi tersionali femorali. Incrociando i dati ottenuti con rilevazioni dinamiche mediante la gait analysis eseguita su 28 pazienti di età inferiore a 65 anni con un quadro di coxartrosi conclamata in nota operatoria per intervento di sostituzione protesica, abbiamo studiato le modificazione fisiopatologiche e biomeccaniche del F.A.I. idiopatico. Risultati I risultati del nostro studio hanno evidenziato una stretta correlazione fra la retroversione femorale e la presenza di un F.A.I. tipo CAM e fra la retroversione acetabolare ed un impingement di tipo PINCER. Discussione Recenti studi di biomeccanica, eseguiti su articolazioni coxo-femorali sane, nei quali viene descritta una funzionale retro-versione del collo femorale a dispetto di una fisiologica anti-versione, sembrano avvalorare la nostra ipotesi di formazione dell'impingement femoro-acetabolare. Una funzionale retro-versione, sommata ad una “patologica” retro-versione del collo femorale, anche se parzialmente compensata da una deambulazione in extra-rotazione, come evidenziato dagli studi della gait analysis, porterà inevitabilmente alla formazione di un conflitto femoro-acetabolare. Conclusioni Analizzando la biomeccanica dell'articolazione coxo-femorale affetta da F.A.I., abbiamo incontrato molti limiti: dalla staticità dell'esame TC al ridotto numero di pazienti. I risultati ottenuti da questo studio sono incoraggianti ma ancora incompleti e pongono in evidenza l'importanza di valutare in toto l'arto inferiore nell'approccio al F.A.I..
Femoroacetabular impingement (F.A.I.); diagnostic use, Tomography
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/717164
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact