Con la sentenza Gross. c. Svizzera del 14 maggio 2013 la Corte europea ha dichiarato che la normativa svizzera viola l’art. 8 della Cedu laddove non precisa in modo sufficientemente chiaro le condizioni per accedere al suicidio assistito. Nella sentenza in commento i giudici di Strasburgo, pur confermando la propria impostazione sul diritto a morire non quale profilo opposto del diritto alla vita tutelato dall’art. 2 Cedu, ma quale emanazione del diritto all’autodeterminazione della sfera privata garantita dell’articolo 8 Cedu, adottano una sentenza di condanna non in linea con l’orientamento che riconosce agli Stati un ampio margine di apprezzamento in presenza di temi eticamente sensibili, sui quali non esista un consenso europeo. La Corte ha infatti utilizzato il grimaldello della completezza e chiarezza che deve connotare una normativa per chiedere di dare una disciplina all’ipotesi, non certo marginale in un’ottica di prevenzione dei possibili abusi, in cui il malato che richiede l’assistenza al suicidio non si trovi in uno stadio terminale ma sia “semplicemente” anziano

Gross c. Svizzera: la Corte di Strasburgo chiede alla Svizzera nuove e più precise norme in tema di suicidio assistito

CRIVELLI, Elisabetta
2013

Abstract

Con la sentenza Gross. c. Svizzera del 14 maggio 2013 la Corte europea ha dichiarato che la normativa svizzera viola l’art. 8 della Cedu laddove non precisa in modo sufficientemente chiaro le condizioni per accedere al suicidio assistito. Nella sentenza in commento i giudici di Strasburgo, pur confermando la propria impostazione sul diritto a morire non quale profilo opposto del diritto alla vita tutelato dall’art. 2 Cedu, ma quale emanazione del diritto all’autodeterminazione della sfera privata garantita dell’articolo 8 Cedu, adottano una sentenza di condanna non in linea con l’orientamento che riconosce agli Stati un ampio margine di apprezzamento in presenza di temi eticamente sensibili, sui quali non esista un consenso europeo. La Corte ha infatti utilizzato il grimaldello della completezza e chiarezza che deve connotare una normativa per chiedere di dare una disciplina all’ipotesi, non certo marginale in un’ottica di prevenzione dei possibili abusi, in cui il malato che richiede l’assistenza al suicidio non si trovi in uno stadio terminale ma sia “semplicemente” anziano
Corte di Strasburgo; suicidio assistito; art. 8 Cedu
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/650762
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact