Obiettivi. Il paper si propone di dibattere sull’innovazione architettonica industriale italiana quale fonte di competitività aziendale e integrazione territoriale. Metodologia. Lo studio si fonda su un approccio esplorativo-induttivo. La research strategy consiste in un multiple case study ed è articolata in due fasi successive di analisi. Nella prima, attraverso il ricorso a fonti primarie e secondarie, si perviene a una rassegna di imprese italiane che hanno investito in innovazione architettonica. Nella seconda si evidenziano tramite lo storytelling le motivazioni che hanno indotto alcune di queste imprese a intraprendere questa via come fonte di competitività aziendale e di integrazione nel territorio. Risultati. Le aziende individuate operano in settori industriali differenti e sono diffuse in Italia in modo geograficamente disorganico, ma economicamente omogeneo in relazione alle tre macroaree in cui è suddivisibile il Paese. I benefici conseguenti agli investimenti in architettura industriale incidono sulla competitività aziendale in termini di valorizzazione dell’identità e dell’immagine aziendale, comunicazione dei valori, creazione di benessere sul luogo di lavoro ed efficienza energetica. Inoltre, tale scelta crea integrazione nel territorio dal punto di vista della riqualificazione della zona industriale, del rafforzamento dell’identità e dell’immagine territoriale e del sostegno dell’eco-sostenibilità e dello sviluppo socio-culturale della collettività. Limiti della ricerca. La scelta della tipologia di campionamento e la selezione delle imprese è soggettiva, pertanto l’indagine si presta a ulteriori approfondimenti. Implicazioni manageriali e sociali. Si suggerisce di stringere collaborazioni con architetti, aperti al dialogo e al confronto, per tradurre le reali esigenze degli imprenditori in soluzioni architettoniche volte a soddisfare bisogni economico-aziendali e meta-economici. Originalità del lavoro. Si portano a conoscenza degli studiosi di management esperienze aziendali in tema di architettura industriale analizzate in chiave competitiva, difficilmente reperibili in letteratura.

L’architettura industriale come fonte innovativa per la competitività aziendale e per l’integrazione territoriale

BONFANTI, Angelo;
2013

Abstract

Obiettivi. Il paper si propone di dibattere sull’innovazione architettonica industriale italiana quale fonte di competitività aziendale e integrazione territoriale. Metodologia. Lo studio si fonda su un approccio esplorativo-induttivo. La research strategy consiste in un multiple case study ed è articolata in due fasi successive di analisi. Nella prima, attraverso il ricorso a fonti primarie e secondarie, si perviene a una rassegna di imprese italiane che hanno investito in innovazione architettonica. Nella seconda si evidenziano tramite lo storytelling le motivazioni che hanno indotto alcune di queste imprese a intraprendere questa via come fonte di competitività aziendale e di integrazione nel territorio. Risultati. Le aziende individuate operano in settori industriali differenti e sono diffuse in Italia in modo geograficamente disorganico, ma economicamente omogeneo in relazione alle tre macroaree in cui è suddivisibile il Paese. I benefici conseguenti agli investimenti in architettura industriale incidono sulla competitività aziendale in termini di valorizzazione dell’identità e dell’immagine aziendale, comunicazione dei valori, creazione di benessere sul luogo di lavoro ed efficienza energetica. Inoltre, tale scelta crea integrazione nel territorio dal punto di vista della riqualificazione della zona industriale, del rafforzamento dell’identità e dell’immagine territoriale e del sostegno dell’eco-sostenibilità e dello sviluppo socio-culturale della collettività. Limiti della ricerca. La scelta della tipologia di campionamento e la selezione delle imprese è soggettiva, pertanto l’indagine si presta a ulteriori approfondimenti. Implicazioni manageriali e sociali. Si suggerisce di stringere collaborazioni con architetti, aperti al dialogo e al confronto, per tradurre le reali esigenze degli imprenditori in soluzioni architettoniche volte a soddisfare bisogni economico-aziendali e meta-economici. Originalità del lavoro. Si portano a conoscenza degli studiosi di management esperienze aziendali in tema di architettura industriale analizzate in chiave competitiva, difficilmente reperibili in letteratura.
9788890739439
innovazione architettonica industriale; rapporto impresa-territorio; identità aziendale; immagine aziendale; identità territoriale; immagine territoriale; comunicazione dei valori aziendali; benessere sul posto di lavoro; sviluppo ecosostenibile; sviluppo socioculturale; Ditta Bortolo Nardini; Targetti Sankey; Piquadro; Caffè Vergnano; Sonus faber; Kerakoll; Tessiture di Nosate
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/625570
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact