La pubblicazione di marchi e graffiti su instrumentum inscriptum: alcune riflessioni