Obiettivi. Individuare modalità per rimuovere alcuni degli ostacoli di natura relazionale che possono rendere difficoltoso per il territorio il compito di supportare i processi di innovazione aziendale nonché valutare la validità delle soluzioni individuate e formulare i relativi fattori di successo. Metodologia. a) Analisi della letteratura e rilevazione delle opinioni degli operatori allo scopo di valutare la natura degli ostacoli; b) selezione di un caso aziendale sulla base della sensibilità al problema; c) ricostruzione del caso attraverso interviste ai responsabili della struttura; d) valutazione della validità della formula organizzativa a soluzione dei problemi rilevati, sulla base di interviste, focus group, questionari, coinvolgendo coordinatori, operatori di progetto e aziende partecipanti. Risultati. Meccanismi di facilitazione della relazione territorio-impresa fondati su soggetti di interfaccia generatori di fiducia costituiscono una valida soluzione ai problemi, soprattutto grazie ai fattori “esperienza-saggezza” e “grado di vicinanza” che essi esprimono. Limiti della ricerca. Il lavoro è limitato all’ambito nazionale con un tentativo di analisi di benchmark internazionale che dovrebbe essere ulteriormente approfondito. Implicazioni pratiche. Il meccanismo di facilitazione studiato è frutto di una concreta esperienza che ha dimostrato valenza positiva per le aziende. Il modello si presta ad essere utilmente esteso. Originalità del lavoro. L’esperienza descritta, al momento pressoché isolata in Italia, ha consentito di costruire un modello che sfrutta in modo originale i concetti di fiducia, esperienza e saggezza di cui il territorio può essere fonte.

“Meccanismi di facilitazione della relazione territorio-innovazione aziendale: l’esperienza “Aquile blu” di Trentino Sviluppo”

GIARETTA, Elena
2012

Abstract

Obiettivi. Individuare modalità per rimuovere alcuni degli ostacoli di natura relazionale che possono rendere difficoltoso per il territorio il compito di supportare i processi di innovazione aziendale nonché valutare la validità delle soluzioni individuate e formulare i relativi fattori di successo. Metodologia. a) Analisi della letteratura e rilevazione delle opinioni degli operatori allo scopo di valutare la natura degli ostacoli; b) selezione di un caso aziendale sulla base della sensibilità al problema; c) ricostruzione del caso attraverso interviste ai responsabili della struttura; d) valutazione della validità della formula organizzativa a soluzione dei problemi rilevati, sulla base di interviste, focus group, questionari, coinvolgendo coordinatori, operatori di progetto e aziende partecipanti. Risultati. Meccanismi di facilitazione della relazione territorio-impresa fondati su soggetti di interfaccia generatori di fiducia costituiscono una valida soluzione ai problemi, soprattutto grazie ai fattori “esperienza-saggezza” e “grado di vicinanza” che essi esprimono. Limiti della ricerca. Il lavoro è limitato all’ambito nazionale con un tentativo di analisi di benchmark internazionale che dovrebbe essere ulteriormente approfondito. Implicazioni pratiche. Il meccanismo di facilitazione studiato è frutto di una concreta esperienza che ha dimostrato valenza positiva per le aziende. Il modello si presta ad essere utilmente esteso. Originalità del lavoro. L’esperienza descritta, al momento pressoché isolata in Italia, ha consentito di costruire un modello che sfrutta in modo originale i concetti di fiducia, esperienza e saggezza di cui il territorio può essere fonte.
9788890739408
relazione territorio-innovazione aziendale; Aquile blu; Trentino Sviluppo
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/488150
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact