Sulle fonti del «Diario inglese di Giuseppe Acerbi».