L'articolo analizza diverse problematiche: come debba essere intesa la prova liberatoria di cui all'art. 2050 c.c., se il comportamento del soggetto danneggiato possa essere idoneo a interrompere il nesso causale o a determinare una diminuzione del risarcimento a lui dovuto ex art. 1227, comma 1, c.c. e, infine, se il concorso di colpa del danneggiato sia opponibile ai suoi eredi.

Responsabilità per esercizio di attività pericolose: prova liberatoria e concorso di colpa del danneggiato

Fin, Camilla
2012

Abstract

L'articolo analizza diverse problematiche: come debba essere intesa la prova liberatoria di cui all'art. 2050 c.c., se il comportamento del soggetto danneggiato possa essere idoneo a interrompere il nesso causale o a determinare una diminuzione del risarcimento a lui dovuto ex art. 1227, comma 1, c.c. e, infine, se il concorso di colpa del danneggiato sia opponibile ai suoi eredi.
responsabilità da attività pericolose
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/438537
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact