Bonatelli, Fabro e l'eredità brentaniana