Plutarco, Aristide 11,3-9 e la cessione del territorio di Platea