Tra psicologia e ontologia: Wolff, Locke e il principio di non contraddizione