Carl Schmitt: la «sapienza della cella»