L'"attore ignoto": verso il Canto notturno