Donadoni e la parola dei classici