Ministro di Stato: una carica da resuscitare?