Notai trecenteschi tra tradizione comunale e cancellerie signorili. Appunti