Monitoraggio tecnologico e recupero di naturalezza: binomio inconciliabile?