Prova della scientia decoctionis ed informazioni dalla “Centrale rischi” della Banca d’Italia