I “tres digiti”: quasi una canonizzazione