Un macrotesto (e le sue conferme) nell'"Erotòkritos"