La base-rate fallacy nella categorizzazione di eventi sequenziali