Il valore risolutivo del silenzio protratto