"Fleurs du mal" nella valigia: la "Diceria" e il Baudelaire di Bufalino