Il peccato originale nel pensiero di Kant, Kierkegaard e Bonhoeffer