Hegel e Heidegger. Prima e dopo la romanità