L'attimo fuggente: abbandonare le grucce