Penelope, Saffo, il sublime (con un modesto consiglio al futuro commentatore dei Canti)