Sull’ovvia inefficacia preclusiva della pronuncia di applicazione "preventiva" del principio del ne bis in idem