La nozione "europea" di "persona giudicata con sentenza definitiva" e le condanne "patteggiate"