Disturbi di personalità come “predittori” della qualità dellavita e del percorso assistenziale: follow-up ad un anno