Lo scritto mette a confronto la giurisprudenza della Corte di Strasburgo e quella della Corte costituzionale in tema di restrizioni apponibili alla libertà di associazione, riflettendo in particolare sulla nozione garantista di riserva di legge che richiede che la limitazione abbia non solo un fondamento nel diritto interno ma sia anche contentuta in una norma accessibile e prevedibile.

Libertà di associazione, riserva di legge e appartenenza di un magistrato alla massoneria:spunti da una decisione della Corte europea dei diritti dell'uomo

CRIVELLI, Elisabetta
2001

Abstract

Lo scritto mette a confronto la giurisprudenza della Corte di Strasburgo e quella della Corte costituzionale in tema di restrizioni apponibili alla libertà di associazione, riflettendo in particolare sulla nozione garantista di riserva di legge che richiede che la limitazione abbia non solo un fondamento nel diritto interno ma sia anche contentuta in una norma accessibile e prevedibile.
Magistrati; massoneria; Corte di Strasburgo; riserva di legge; libertà di associazione
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/18648
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact