Una riflessione sullo stato inflazionistico e valore dei beni artistico-culturali