L’articolo tratta del danno da ritardo della Pubblica Amministrazione nell’emanazione del provve- dimento amministrativo. In particolare, si rifletterà sui rimedi forniti dall’ordinamento italiano: il risarcimento di cui all’art. 2-bis, comma 1, l. n. 241/1990 (introdotto con l. n. 69/2009) e l’indennizzo di cui all’art. 2-bis, comma 1-bis, l. n. 241/1990 (introdotto con l. n. 98/2013). Tra le varie questioni affrontate, si presterà particolare attenzione alla risarcibilità del c.d. «mero ritardo», ossia all’ammissibilità del risarcimento indipendentemente dalla spettanza del bene della vita finale.

Alcuni spunti di riflessione sulla responsabilità della Pubblica Amministrazione per il ritardo nella conclusione del procedimento amministrativo

Paolo Saggiani
2015

Abstract

L’articolo tratta del danno da ritardo della Pubblica Amministrazione nell’emanazione del provve- dimento amministrativo. In particolare, si rifletterà sui rimedi forniti dall’ordinamento italiano: il risarcimento di cui all’art. 2-bis, comma 1, l. n. 241/1990 (introdotto con l. n. 69/2009) e l’indennizzo di cui all’art. 2-bis, comma 1-bis, l. n. 241/1990 (introdotto con l. n. 98/2013). Tra le varie questioni affrontate, si presterà particolare attenzione alla risarcibilità del c.d. «mero ritardo», ossia all’ammissibilità del risarcimento indipendentemente dalla spettanza del bene della vita finale.
Responsabilità della pubblica amministrazione
Danno da ritardo
Termine di conclusione del procedimento amministrativo
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/1052275
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact