La Suprema Corte è tornata nuovamente a pronunciarsi sulla questione dei controlli effettuati dal datore di lavoro sulle prestazioni lavorative tramite i propri collaboratori e sull’obbligo di comunicazione dei nominativi e delle mansioni di questi ex art. 3, l. n. 300/1970, andando a consolidare l’orientamento già affermato in giurisprudenza secondo cui è lecito l’utilizzo di personale interno per verificare, anche occultamente, eventuali mancanze specifiche dei dipendenti durante lo svolgimento dell’attività lavorativa ai sensi degli artt. 2086 e 2104 c.c.. Nel caso di specie, la Cassazione si è espressa sulla validità di un licenziamento disciplinare formulato per scarsa diligenza e persistente inosservanza degli obblighi contrattuali a un lavoratore con mansioni di portalettere, il quale sosteneva l’illegittimità del recesso non per infondatezza delle motivazioni addotte, bensì in quanto intimato dal datore di lavoro sulla base di prove raccolte in modo occulto e a distanza dai suoi più stretti collaboratori gerarchicamente superiori al dipendente, di cui uno addetto a funzioni ispettive.

La Cassazione conferma la legittimità dei controlli occulti sulla prestazione lavorativa operati dall’organizzazione gerarchica interna

Carlo Valenti
2021

Abstract

La Suprema Corte è tornata nuovamente a pronunciarsi sulla questione dei controlli effettuati dal datore di lavoro sulle prestazioni lavorative tramite i propri collaboratori e sull’obbligo di comunicazione dei nominativi e delle mansioni di questi ex art. 3, l. n. 300/1970, andando a consolidare l’orientamento già affermato in giurisprudenza secondo cui è lecito l’utilizzo di personale interno per verificare, anche occultamente, eventuali mancanze specifiche dei dipendenti durante lo svolgimento dell’attività lavorativa ai sensi degli artt. 2086 e 2104 c.c.. Nel caso di specie, la Cassazione si è espressa sulla validità di un licenziamento disciplinare formulato per scarsa diligenza e persistente inosservanza degli obblighi contrattuali a un lavoratore con mansioni di portalettere, il quale sosteneva l’illegittimità del recesso non per infondatezza delle motivazioni addotte, bensì in quanto intimato dal datore di lavoro sulla base di prove raccolte in modo occulto e a distanza dai suoi più stretti collaboratori gerarchicamente superiori al dipendente, di cui uno addetto a funzioni ispettive.
Controlli a distanza, controlli occulti, gerarchia interna, controlli sulla prestazione lavorativa, art. 3 Statuto dei Lavoratori, controlli difensivi, adempimento della prestazione lavorativa, buona fede, diligenza
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
La Cassazione conferma la legittimità dei controlli occulti sulla prestazione lavorativa operati dall’organizzazione gerarchica interna.pdf

non disponibili

Descrizione: Articolo principale
Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Accesso ristretto
Dimensione 329.1 kB
Formato Adobe PDF
329.1 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/1047965
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact