Introduzione: Numerose ricerche hanno indagato il ruolo di fattori individuali (età, working memory) e fattori ambientali che possono influenzare l'acquisizione della L2 (Paradis, 2011). I fattori ambientali includono quantità e qualità di input linguistico, ambiente domestico di alfabetizzazione e uso della L2 nel contesto domestico (Unsworth, Hulk e Marinis, 2011). Quantità e qualità dell’input linguistico ricevuto, la cui operazionalizzazione risulta tuttavia diversificata, influenzano lo sviluppo linguistico dei bambini. Tuttavia studi che esaminano gli effetti dell’input linguistico in differenti domini linguistici all'interno dello stesso gruppo di bambini sono limitati e presentano risultati contraddittori. L'obiettivo di questo lavoro è indagare il ruolo della quantità di esposizione linguistica in italiano (cumulativa e input linguistico attuale) e delle pratiche narrative in L2, in diversi ambiti di comprensione quali vocabolario, inferenze e testo orale di bambini bilingui simultanei. Metodo: Alla ricerca hanno partecipato 27 bambini bilingui simultanei di età prescolare e le loro famiglie. I genitori hanno compilato un questionario sul contesto socio-economico familiare, sulla frequenza delle pratiche narrative e sulla quantità di input linguistico in italiano (esposizione cumulativa e quantità di input linguistico), mentre ai bambini sono stati somministrati PPVT-R, TOR 3-8 e Test sulle abilità inferenziali (Florit, Roch & Levorato, 2011). Risultati: Sono state condotte 3 regressioni gerarchiche con VD vocabolario, comprensione del testo orale e abilità inferenziali e con predittori esposizione cumulativa (M=55 mesi), percentuale input linguistico (M=63%) e frequenza di pratiche narrative in italiano (M=2,1 almeno una volta a settimana). I risultati significativi hanno riguardato il vocabolario, la cui varianza è spiegata per il 28% dall’esposizione cumulativa e il 20% dalla frequenza delle pratiche narrative e l’abilità inferenziali, la cui varianza è spiegata per il 18% dall’input linguistico e il 14% dalla frequenza delle pratiche narrative. Conclusioni: L’esposizione cumulativa, l’input linguistico e la frequenza di pratiche narrative in L2 determinano, con un peso differente, lo sviluppo di diversi ambiti di comprensione (vocabolario, inferenze, testo orale), di bambini bilingui simultanei. Indagare l'impatto di fattori ambientali sullo sviluppo della L2 consente ai ricercatori di fornire indicazioni pedagogiche ad insegnati e genitori.

Comprensione di vocaboli, inferenza e testi in L2 di bambini prescolari bilingui simultanei: Il ruolo dell’esposizione linguistica e delle pratiche narrative

Elena Florit
Writing – Review & Editing
;
2018

Abstract

Introduzione: Numerose ricerche hanno indagato il ruolo di fattori individuali (età, working memory) e fattori ambientali che possono influenzare l'acquisizione della L2 (Paradis, 2011). I fattori ambientali includono quantità e qualità di input linguistico, ambiente domestico di alfabetizzazione e uso della L2 nel contesto domestico (Unsworth, Hulk e Marinis, 2011). Quantità e qualità dell’input linguistico ricevuto, la cui operazionalizzazione risulta tuttavia diversificata, influenzano lo sviluppo linguistico dei bambini. Tuttavia studi che esaminano gli effetti dell’input linguistico in differenti domini linguistici all'interno dello stesso gruppo di bambini sono limitati e presentano risultati contraddittori. L'obiettivo di questo lavoro è indagare il ruolo della quantità di esposizione linguistica in italiano (cumulativa e input linguistico attuale) e delle pratiche narrative in L2, in diversi ambiti di comprensione quali vocabolario, inferenze e testo orale di bambini bilingui simultanei. Metodo: Alla ricerca hanno partecipato 27 bambini bilingui simultanei di età prescolare e le loro famiglie. I genitori hanno compilato un questionario sul contesto socio-economico familiare, sulla frequenza delle pratiche narrative e sulla quantità di input linguistico in italiano (esposizione cumulativa e quantità di input linguistico), mentre ai bambini sono stati somministrati PPVT-R, TOR 3-8 e Test sulle abilità inferenziali (Florit, Roch & Levorato, 2011). Risultati: Sono state condotte 3 regressioni gerarchiche con VD vocabolario, comprensione del testo orale e abilità inferenziali e con predittori esposizione cumulativa (M=55 mesi), percentuale input linguistico (M=63%) e frequenza di pratiche narrative in italiano (M=2,1 almeno una volta a settimana). I risultati significativi hanno riguardato il vocabolario, la cui varianza è spiegata per il 28% dall’esposizione cumulativa e il 20% dalla frequenza delle pratiche narrative e l’abilità inferenziali, la cui varianza è spiegata per il 18% dall’input linguistico e il 14% dalla frequenza delle pratiche narrative. Conclusioni: L’esposizione cumulativa, l’input linguistico e la frequenza di pratiche narrative in L2 determinano, con un peso differente, lo sviluppo di diversi ambiti di comprensione (vocabolario, inferenze, testo orale), di bambini bilingui simultanei. Indagare l'impatto di fattori ambientali sullo sviluppo della L2 consente ai ricercatori di fornire indicazioni pedagogiche ad insegnati e genitori.
Comprensione di parole; inferenze; comprensione di testi; bambini prescolari; bilingui simultanei;esposizione linguistica; pratiche narrative
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
GC2018_SESSIONE_POSTER_Abstract.pdf

solo utenti autorizzati

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: Accesso ristretto
Dimensione 364.02 kB
Formato Adobe PDF
364.02 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/1044454
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact