Introduzione. Il Simple View of Reading (SVR; Hoover & Gough, 1990) descrive la comprensione del testo scritto come il prodotto di decodifica e comprensione del testo orale. La validità del modello è stata ampiamente testata, tuttavia, il numero di ricerche condotte con bambini/e che apprendono a leggere in lingue con ortografia superficiale è ridotto (si veda ad esempio Florit & Cain, 2011; Tobia & Bonifacci, 2015). Il presente studio ha analizzato il ruolo delle componenti del modello in bambini/e che apprendono a leggere in italiano, per contribuire al dibattito sui seguenti punti: a) la comprensione del testo orale esercita un peso maggiore rispetto alla decodifica valutata in termini sia di correttezza sia di velocità fin dalle prime fasi di scolarizzazione?; b) il vocabolario contribuisce alla comprensione del testo scritto oltre il contributo delle componenti principali o attraverso di esse? Metodo. Hanno partecipato 149 bambini/e (età media = 6;3; 50% femmine) che sono stati testati all’inizio (T1; no istruzione formale) e alla fine (T2; dopo 7 mesi di istruzione formale) del primo anno della scuola primaria. Al T2 sono state somministrate prove di comprensione del testo orale e scritto, e di correttezza e velocità di lettura di parole e non parole. Al T1 sono state somministrate prove di vocabolario recettivo, consapevolezza fonologica e ragionamento non verbale, e sono state raccolte informazioni circa le pratiche di pre-alfabetizzazione nel contesto familiare. Risultati. I risultati ottenuti dall’applicazione di modelli di equazioni strutturali hanno mostrato che: a) al T2, il contributo della comprensione del testo orale alla comprensione del testo scritto è rilevante, soprattutto quando la decodifica è valutata in termini di accuratezza; b) il vocabolario al T1 contribuisce alla comprensione del testo scritto al T2 attraverso la comprensione del testo orale al T2. Conclusioni. I risultati forniscono sia evidenze a supporto sia spunti di riflessione circa il ruolo della comprensione del testo orale e della decodifica. I risultati hanno dunque implicazioni circa la validità del modello per spiegare la comprensione del testo scritto in lingue con ortografia superficiale e nelle prime fasi di scolarizzazione.

Il Simple View of Reading in bambini che apprendono a leggere in italiano; evidenze a supporto e quesiti ancora aperti.

Florit Elena
Conceptualization
;
2019

Abstract

Introduzione. Il Simple View of Reading (SVR; Hoover & Gough, 1990) descrive la comprensione del testo scritto come il prodotto di decodifica e comprensione del testo orale. La validità del modello è stata ampiamente testata, tuttavia, il numero di ricerche condotte con bambini/e che apprendono a leggere in lingue con ortografia superficiale è ridotto (si veda ad esempio Florit & Cain, 2011; Tobia & Bonifacci, 2015). Il presente studio ha analizzato il ruolo delle componenti del modello in bambini/e che apprendono a leggere in italiano, per contribuire al dibattito sui seguenti punti: a) la comprensione del testo orale esercita un peso maggiore rispetto alla decodifica valutata in termini sia di correttezza sia di velocità fin dalle prime fasi di scolarizzazione?; b) il vocabolario contribuisce alla comprensione del testo scritto oltre il contributo delle componenti principali o attraverso di esse? Metodo. Hanno partecipato 149 bambini/e (età media = 6;3; 50% femmine) che sono stati testati all’inizio (T1; no istruzione formale) e alla fine (T2; dopo 7 mesi di istruzione formale) del primo anno della scuola primaria. Al T2 sono state somministrate prove di comprensione del testo orale e scritto, e di correttezza e velocità di lettura di parole e non parole. Al T1 sono state somministrate prove di vocabolario recettivo, consapevolezza fonologica e ragionamento non verbale, e sono state raccolte informazioni circa le pratiche di pre-alfabetizzazione nel contesto familiare. Risultati. I risultati ottenuti dall’applicazione di modelli di equazioni strutturali hanno mostrato che: a) al T2, il contributo della comprensione del testo orale alla comprensione del testo scritto è rilevante, soprattutto quando la decodifica è valutata in termini di accuratezza; b) il vocabolario al T1 contribuisce alla comprensione del testo scritto al T2 attraverso la comprensione del testo orale al T2. Conclusioni. I risultati forniscono sia evidenze a supporto sia spunti di riflessione circa il ruolo della comprensione del testo orale e della decodifica. I risultati hanno dunque implicazioni circa la validità del modello per spiegare la comprensione del testo scritto in lingue con ortografia superficiale e nelle prime fasi di scolarizzazione.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Poster Florit et al_2019_CLASTA.pdf

solo utenti autorizzati

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: Accesso ristretto
Dimensione 392.18 kB
Formato Adobe PDF
392.18 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/1044160
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact