Il diritto di contrattazione collettiva nel filtro del principio di non discriminazione