Un intervento della Cassazione tra tutela effettiva del contraddittorio e celerità del rito lavoristico