"Treblinkskij ad" di Vasilij Grossman nell'Europa dell'immediato dopoguerra (1945-1947)