Nell’ambito delle nuove tecnologie in campo contrattuale figurano i cc.dd. smart contracts, i quali rappresentano un’estremizzazione dell’automazione del contratto. Si tratta di un fenomeno che impone al giurista di conoscerlo, così da comprendere se lo stesso sia riconducibile o meno alle tradizionali categorie giuridiche. Occorre inoltre verificare se il ricorso a tali strumenti possa consentire un affrancamento degli utenti dal ricorso ai professionisti e ai terzi intermediari.

Smart contracts e profili di diritto civile

Giulia Castellani
2019

Abstract

Nell’ambito delle nuove tecnologie in campo contrattuale figurano i cc.dd. smart contracts, i quali rappresentano un’estremizzazione dell’automazione del contratto. Si tratta di un fenomeno che impone al giurista di conoscerlo, così da comprendere se lo stesso sia riconducibile o meno alle tradizionali categorie giuridiche. Occorre inoltre verificare se il ricorso a tali strumenti possa consentire un affrancamento degli utenti dal ricorso ai professionisti e ai terzi intermediari.
Smart contract, disintermediazione, automazione, categorie giuridiche
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/994270
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact