Il saggio, inoltrandosi nel rapporto tra immagine e memoria, s’interroga sulla sostanza corporea degli schermi, o meglio, su come il nostro stesso corpo non sia a sua volta nient’altro che uno schermo, un tessuto su cui scorrono le immagini dei nostri sogni, donandoci il tempo per un’esperienza di piena virtualità. Il testo, tenendo conto del contributo del videoartista Bill Viola, si confronta in particolare con il pensiero di Gilles Deleuze e Jacques Lacan.

Tra schermi e sogni: quale virtualità?

Riccardo Panattoni
2018-01-01

Abstract

Il saggio, inoltrandosi nel rapporto tra immagine e memoria, s’interroga sulla sostanza corporea degli schermi, o meglio, su come il nostro stesso corpo non sia a sua volta nient’altro che uno schermo, un tessuto su cui scorrono le immagini dei nostri sogni, donandoci il tempo per un’esperienza di piena virtualità. Il testo, tenendo conto del contributo del videoartista Bill Viola, si confronta in particolare con il pensiero di Gilles Deleuze e Jacques Lacan.
schermi ; sogno ; virtuale
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Tra schermi e sogni.pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo principale
Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: Creative commons
Dimensione 175.88 kB
Formato Adobe PDF
175.88 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/993136
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact