Il contributo propone una lettura dei cambiamenti in chiave ECOautonoma nel campo del lavoro, mirati a recuperare la centralità della vita rispetto alla produzione e al consumo, attraverso alcune categorie concettuali delle geografie (culturali) post-strutturaliste che promuovono il superamento della visione dualistica del binomio natura/cultura, considerata da molti pensatori ambientalisti come responsabile dello stato di malattia in cui versa la Terra. Il testo suggerisce come, al fine di affrontare le sfide più urgenti del nostro tempo, legate in particolare, ma non esclusivamente, alle problematiche ambientali, sia fondamentale riflettere criticamente sugli immaginari da cui muovono le nostre pratiche quotidiane.

Una lettura geo-culturale del lavoro ECOautonomo

Martinelli Caterina
2018

Abstract

Il contributo propone una lettura dei cambiamenti in chiave ECOautonoma nel campo del lavoro, mirati a recuperare la centralità della vita rispetto alla produzione e al consumo, attraverso alcune categorie concettuali delle geografie (culturali) post-strutturaliste che promuovono il superamento della visione dualistica del binomio natura/cultura, considerata da molti pensatori ambientalisti come responsabile dello stato di malattia in cui versa la Terra. Il testo suggerisce come, al fine di affrontare le sfide più urgenti del nostro tempo, legate in particolare, ma non esclusivamente, alle problematiche ambientali, sia fondamentale riflettere criticamente sugli immaginari da cui muovono le nostre pratiche quotidiane.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/992300
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact