Della rovina. Hölderlin e il libero uso del proprio