Il saggio parte dalla posizione di Maria Zambrano, che ha sostituito al termine inconscio il termine sentire originario in modo intenzionale. Il sentire ha sia un lato conscio sia un lato inconscio. E' una via per dare spazio al lato inconscio dell'esperienza. Nel pensiero teorico femminile è essenziale in quanto c'è una maggiore attenzione al lato inconscio del vissuto. Sul piano filosofico questa via aggira sia il pensiero critico sia quelle teorie della conoscenza che non danno spazio all'insistenza dell'inconscio.

El sentir: una de las palabras del vinculo entre feminismo e inconsciente

Chiara Zamboni
2018

Abstract

Il saggio parte dalla posizione di Maria Zambrano, che ha sostituito al termine inconscio il termine sentire originario in modo intenzionale. Il sentire ha sia un lato conscio sia un lato inconscio. E' una via per dare spazio al lato inconscio dell'esperienza. Nel pensiero teorico femminile è essenziale in quanto c'è una maggiore attenzione al lato inconscio del vissuto. Sul piano filosofico questa via aggira sia il pensiero critico sia quelle teorie della conoscenza che non danno spazio all'insistenza dell'inconscio.
Sentire, linguaggio, Maria Zambrano, inconscio
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/990981
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact