La dimensione “organizzativa” del consenso informato